Musiche leggere da cameretta.

Tra le registrazioni di questa estate è spuntata “Le Vite Disusate”.

Fonte: SoundCloud / Montag si distrae

Cameretta attrezzata a studiolo, attraverso gli occhi grandangolari dell’Olympus OM10.
Tutti gli strumenti da registrazione mi sono stati prestati.
#musicaleggeradacameretta

Cameretta attrezzata a studiolo, attraverso gli occhi grandangolari dell’Olympus OM10.

Tutti gli strumenti da registrazione mi sono stati prestati.

#musicaleggeradacameretta

Ecco un altro pezzo registrato in questo periodo. Si chiama “Per Organo di Barberia” ed in realtà è una poesia di Sergio Corazzini, che mi limito a leggere ed arrangiare.

TESTO DI SERGIO CORAZZINI:
Elemosina triste
di vecchie arie sperdute,
vanità di un’offerta
che nessuno raccoglie!
Primavera di foglie
in una via diserta!
Poveri ritornelli
che passano e ripassano
e sono come uccelli
di un cielo musicale!
Ariette d’ospedale
che ci sembra domandino
un’eco in elemosina!


Vedi: nessuno ascolta.
Sfogli la tua tristezza
monotona davanti
alla piccola casa
provinciale che dorme;
singhiozzi quel tuo brindisi
folle di agonizzanti
una seconda volta,
ritorni su’ tuoi pianti
ostinati di povero
fanciullo incontentato,
e nessuno ti ascolta.

Fonte: SoundCloud / Montag si distrae

Ecco, provo a pubblicare qualcosina di tutto quello che sto registrando forsennatamente in questo periodo. Appena ho un po’ di tempo e il caldo non mi massacra accendo PC e scheda audio (prestata da gente santa) e comincio a delirare, torturare la chitarra e sbavare il microfono.
Devo imparare a cantare, lo so. Devo imparare a suonare, lo so. Ma è come se mi urgesse di rompere comunque le palle. Questa è Studenti.

***

"Studenti" di Montag (Pietro Raimondi) registrata più o meno a caso in un giorno d’estate in cameretta.

TESTO:
Stupidi Studenti che aspettate tutto l’anno l’estate
E quando arriva vi annoiate
In quei pomeriggi che si muore e sono quasi tutti via
Uscire è una pazzia
E prendete il treno e fate finta di niente e ve ne andate
Ma vi annoiate,
la settimana scorsa è già lontana e la prossima così vicina,
la scuola si avvicina

Stupido studente tu non hai capito niente
Non lo senti il cuore che urla all’eternità?
Non ti basta una vacanza, non ti basta la tua stanza
È il rimorso di un’estate che se ne va.

Stupidi studenti che vivete di accessori fluorescenti
E di notifiche appaganti
Vi ingozzate di amicizie, quasi tutte un po’ latenti,
con problemi inesistenti
I concerti, i bar, le associazioni, le feste e gli eventi,
ammassi di momenti,
poi nel vuoto all’improvviso con voi stessi a pensare
che non c’è più niente da fare

Stupido studente tu non hai capito niente
Non lo senti il cuore che urla all’eternità?
Non ti basta una vacanza, non ti basta la tua stanza
È il rimorso di un’estate che se ne va

Stupido studente tu non hai capito niente
Non lo senti il cuore che urla all’eternità?
Non ti basta una vacanza, non ti basta la tua stanza
È il rimorso di un’estate che se ne va

Stupido studente tu non hai capito niente
Non lo senti il cuore che urla all’eternità?
Non ti basta una vacanza, non ti basta la tua stanza
È il rimorso di un’esistenza che se ne va

Fonte: SoundCloud / Montag si distrae